Archivi categoria: Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, p.18

PUNTATA 18- 8 maggio ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

Una puntata all’insegna del contemporaneo, questa diciottesima, con tante finestre aperte a vedere, a mò di Sorelle Materassi, cosa succede, oggi, là fuori. Cosa abbiamo visto passare? Beh, è transitato il giovane Leo Folgori con un pezzo brillante, ma non superficiale, poi Nicolò Carnesi, di cui abbiamo ascoltato (e detto gran bene) tre brani dal suo “Bellissima noia” (disco della settimana in colpevolissimo ritardo), poi ancora Alessandro Fiori nei suoi nuovi vestiti elettronici, MicAltrove (splendida la sua “Ossessione”), e Il muro del canto, punta di diamante della nouvelle vague della canzone romanesca.

Carnesi_Bellissima_noia_COVER_ALBUM_DEF

La copertina bestiale del nuovo disco di Nicolò Carnesi

In mezzo, ché troppo presente non ci stordisca, siamo andati a trovare l’esordio solista di John De Leo, coraggioso sperimentatore ed ex Quintorigo) targato 2008 e a riesumare dall’oblio, chicca tra le chicche, una “Tamburino Pendulino” (first time on the web!) che Cochi & Renato + Jannacci scrissero per il cipollino Massimo Boldi.

R-3172355-1461611020-4738.jpeg

Se è poco, scusateci tanto.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/q0ve1g2k0mivsr2/ARRIVANO_GLI_SPRASSOLATI%2C_STAG10%2C_p.18.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

LA SCIMMIA-Leo Folgori

L’UOMO CHE CONTINUA- John De Leo

TAMBURINO PENDULINO- Massimo Boldi (Rubrica “Son fanatico, ma son simpatico!”)

FOTOGRAFIA- Nicolò Carnesi (Rubrica “Gradische le dische?”)

LO SCHERZO INFINITO- Nicolò Carnesi (Rubrica “Gradische le dische?”)

COMUNICHIAMO MALE- Nicolò Carnesi (Rubrica “Gradische le dische?”)

IVO E MARIA- Alessandro Fiori

OSSESSIONE- MicAltrove

GINOCCHI ROSSI- Il muro del canto

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.17

PUNTATA 17- 21 APRILE ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

I Cinesi si comprano anche il Milan (che ci faranno, poi?) e Bruno Lauzi ci regala il suo sarcastico editoriale. Disco della settimana il ritorno di una delle nostre migliori rockeuses, quell’Angela Baraldi che a inizio anni ’90 regalò piccole gemme come “Mi vuoi bene o no?” (A.D. 1993). Un disco sporco e sanguigno, ispiratissimo.

La cover del disco della settimana

Poi, che altro? Beh, un ripescaggio di Caterina Caselli, i Virginiana Miller che ridanno notizie di sé con una splendida cover di Lucio Dalla, una bella novità come Salvario e il ritorno del grande Giulio Casale, che possiamo ascoltare con l’ultima creazione, e soprattutto potremo vedere dal vivo al “Valvola” lunedì 24 aprile in un live imperdibile (con lui c’è anche Lorenzo “Buzzino” Corti) co-organizzato anche dalla nostra gloriosa e immarcescibile Radio Orvieto Web.

In chiusura una bella novità come Salvario, e una chicca: l’esibizione a sorpresa di Piero Brega (storica voce del Canzoniere del Lazio) a Orvieto nel concerto “Tra noi- i Tetes de Bois per Barbara e Matteo”, dello scorso settembre. Un’interpretazione da brividi.

Riflessi di Giulio Casale, il 24 aprile sul palco del "Valvola"

Enjoy!!

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/n54rcuan5zb24v2/ARRIVANO_GLI_SPRASSOLATI%21%2C_STAG.10%2C_p.17.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

ARRIVANO I CINESI- Bruno Lauzi (Rubrica “L’Editoriale”)

BISOGNEREBBE NON PENSARE CHE A TE- Caterina Caselli

TORNANO SEMPRE- Angela Baraldi (Rubrica “Gradische le dische?”)

TUTTI A CASA- Angela Baraldi (Rubrica “Gradische le dische?”)

ANNA E MARCO- Virginiana Miller (live, rubrica “Sulle spalle dei giganti” da L.Dalla)

LE NOSTRE PMI- Giulio Casale

DURI COME UN MURO- Salvario

TUSCOLANA- Piero Brega (live a Orvieto, Sala del Carmine, 18/9/’16)

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.16

PUNTATA 16- 3 APRILE ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

con un intervento telefonico di Sandro Paradisi in ricordo di Fausto Mesolella

il grande Fausto Mesolella, scomparso lo scorso 30 marzo

Settimana davvero nera per la musica italiana: il 30 marzo, è arrivata la notizia improvvisa della scomparsa di Fausto Mesolella, storica chitarra degli Avion Travel, ma anche musicista e compositore dalle mille collaborazioni e curiosità, e, soprattutto, persona di straordinaria umanità, come ci ha anche confermato il “nostro” Sandro Paradisi, che con Fausto ha spesso suonato.

Un disco di Alessandro Alessandroni

Pochi giorni prima ci aveva lasciato Alessandro Alessandroni, non solo storico “fischio” di Morricone, ma anche chitarrista, direttore e compositore di culto per gli amanti di quell’easy-pop italiano anni ’60-’70 che è stato tanto rivalutato in tutto il mondo in questi due ultimi decenni.

La copertina dell'ultimo lavoro del Nada Trio

Non potevamo quindi che aprire e chiudere con due omaggi a questi due straordinari artisti che ci hanno lasciato. In mezzo, ironia della sorte, il bellissimo disco della settimana (che ascoltiamo in anteprima), opera di quel Nada Trio che vedeva proprio Mesolella alla chitarra. (la mia recensione è poi apparsa su “L’isola che non c’era”. Potete recuperarlo QUI).

E poi ancora lo svelamento di uno dei molti plagi (volete chiamarli “riappropriazioni”, che suona meglio? Ok.) perpretati da quel pirata della musica che è stato Fabrizio De Andrè: ascoltate una dopo l’altra la sua “Un blasfemo” (1971) e “Rumbleaway” di Shirley Collins (1963), e poi sappiatemi dire…

Ma da ascoltare anche una piccola chicca: una versione live unplugged ad opera di Colapesce di “Però quasi”, (incredibile) canzone d’amore del compianto Freak Antoni.

 Infine c’è stato anche il tempo per recuperare due notevoli uscite recenti: quella di Paolo Benvegnù con suo cosmicomico “H3+” e quella di Diodato che ha da poco dato alle stampe “Cosa siamo diventati”.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/33uu111db0cd9m4/STAG.10%2C_p.16.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

JEUNE FLIRT- Alessandro Alessandroni

LA POSA- Nada Trio (Rubrica “Gradische le dische?”)

UNA PIOGGIA DI SALE- Nada Trio (Rubrica “Gradische le dische?”)

DENTRO LA TASCA DI UN QUALUNQUE MATTINO- Nada Trio (Rubrica “Gradische le dische?”)

GOODBYE PLANETH EARTH- Paolo Benvegnù

UN BLASFEMO- Fabrizio de Andrè, 1971 (Rubrica “Cover the rainbow”, plagio della canzone seguente)

RANBLEAWAY- Shirley Collins, 1963

UN PO’ PIU’ FACILE- Diodato

PERO’ QUASI- Colapesce (live unplugged, rubrica “Sulle spalle dei giganti” da Freak Antoni)

Omaggio a Fausto Mesolella (con un intervento di Sandro Paradisi)

ARIA DI TE (strumentale)- Fausto Mesolella

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI.p.15- SPECIALE LEONARD COHEN IN ITALIANO

 PUNTATA 15- 22 MARZO ‘17

SPECIALE “COVER THE RAINBOW”:

LEONARD COHEN IN ITALIANO

in studio Andrea Kappa Caponeri

Era da poco uscito il suo ennesimo album straordinario, un disco pieno di presagi, a dir la verità, quando il 7 novembre 2016 è giunta la notizia della morte di Leonard Cohen, l’unico degno di affiancare Bob Dylan (da pochi giorni proclamato con scalpore Premio Nobel per la Letteratura) tra i grandissimi della canzone intesa come Arte.

Photo of Leonard Cohen

Il conduttore di questa trasmissione, anch’egli, come tanti, addolorato dalla scomparsa del grande songwriter canadese (che aveva avuto la fortuna di vedere dal vivo un paio di anni prima a Lucca), ha cominciato a rimuginare il modo giusto per omaggiarlo, e ha pensato di ricercare le versioni italiane delle sue canzoni: nella mente c’erano già, ovviamente quelle di De Andrè, una rilettura di De Gregori, qualcosa di Marco Ongaro, ma la successiva indagine (dischi e Cd spulciati, cose in rete) ha davvero aperto un vaso di Pandora.

 

Il primo passo è stato preparare un lungo articolo per il beneamato blog “Verso la Stratosfera” (lo trovate qui), in un post (con relativo link per il download) che ha visto anche la partecipazione di altri collaboratori. Il secondo è stato ricordarlo su “Arnolfo”, il bel free-magazine di arte e cultura dell’orvietano, il terzo è appunto questa trasmissione in cui facciamo ascoltare molte delle riletture di Cohen che nel tempo sono state approntate dai suoi estimatori, nomi come lo stesso De Andrè, De Gregori, Locasciulli, Lalli, Marco Ongaro, Luigi Grechi, Giorgio Lo Cascio, Cisco, Le Luci della centrale elettrica, Mia Martini ed altri. Insomma, una bella rassegna che, tra alti e bassi, testimonia la devozione che in Italia ha circondato da inizio anni ’70 ad oggi l’autore di Suzanne, Halleluja, Joan of Arc, Famous Blue raincoat e altre decine di capolavori assoluti in cui poesia e musica diventano finalmente una cosa sola.

Daiano cover

la copertina del disco-tributo di Daiano 

SCARICA PARTE 1:

http://www.mediafire.com/file/61hhvy8b7fz838u/SPRASSOLATI_STAG.10%2C%2Cp.15_%28pt.1%29_-_Speciale_L.Cohen_in_italiano.mp3

SCARICA PARTE 2:

http://www.mediafire.com/file/qhhvdfi89bv5ct5/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2C_p.15_%28pt.2%29-_Speciale_L.Cohen_in_italiano.mp3

SCALETTA PARTE 1:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

A PRESTO, MARIANNE (So long, Marianne)-  Francesco De Gregori & Giorgio Lo Cascio live al Folkstudio, 24/1/1970

UN LETTO COME UN ALTRO (Tonight Will Be Fine) Francesco De Gregori & Giorgio Lo Cascio live al Folkstudio, 24/1/1970

LA BALLATA DI GIOVANNA D’ARCO – Kamsin (parte, 1971)

GIOVANNA D’ARCO (Joan of Arc)-Fabrizio De Andrè  (versione 45 giri, 1972)

IL PARTIGIANO (The partisan)- Daiano (1974)

NANCY (Seems so long ago, Nancy)- Fabrizio De Andrè (1975)

LA REGOLA D’ORO (One of us cannot be wrong) – Luigi Grechi (1979)

 

SCALETTA PARTE 2:

SUZANNE (id)- Mia Martini (live ’83)

NON PORTATELO A CASA SE E’ DURO (Don’t go home with your hand-on)- Marco Ongaro (1995)

FAMOUS BLUE RAINCOAT (id.)- LALLI (1998)

IL FUTURO (The Future)- Mimmo Locasciulli (1998)

SHREK ALLELUJAH (Halleluja)- Francesco Baccini (parte, Rubrica “Luci e ombre”, 2003)

DIAMONDS IN THE MINE (id)- Le Luci della Centrale Elettrica (2009)

SISTER OF MERCY- Cisco (2016)

ALLELUJA (Halleluja)- Marco Ongaro (2016)ARRIVANO GLI SPRASSOILA

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, p.14

PUNTATA 14- 17 MARZO ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

CON UN’INTERVISTA A GIULIANO CLERICO

Settimana turbolenta nel piccolo recinto della canzone d’autore italiana per le incaute dichiarazioni di Sergio Secondiano Sacchi, nuovo direttore artistico del Club Tenco. L’ha commentata in musica per noi, nel nostro consueto editoriale musicale, nientepopodimeno che il Califfo.

Il Califfo, autore dell'editoriale della settimana

E poi, dopo il ripescaggio di una Carmen Consoli d’antan (compie vent’anni il suo album rivelazione “Confusa e felice”), ecco la bella intervista a Giuliano Clerico, uno da tenere assolutamente d’occhio, che ci ha presentato il suo ultimo sorprendente album “L’Uomo Tigre ha fallito”.

L'immaginifica copertina dell'eccellente lavoro di Gliuliano Clerico, nostro disco dellasettimana

Infine, il ritorno della rubrica di approfondimento che ripercorre in tre canzoni l’epopea dei Decibel di Enrico Ruggeri, gruppo storico della new wave italiana che si è ricomposto di recente con l’ultimo album di inediti “Noblesse oblige”.

Per inciso, sabato 25 marzo i Decibel suonano al Teatro Morlacchi di Perugia. Da non perdere.

PS- il buon Kappa a quel concerto andò, appuntò e poi scrisse QUESTA recensione per l’Isola che non c’era, caso mai interessasse…

ruggeri decibel2

 SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/vyy5ztlu24a4dv2/Sprassolati%2C_p.14.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

CHE FINE HAI FATTO CANTAUTORE?-Franco Califano (Rubrica “L’Editoriale”)

BLUNOTTE- Carmen Consoli

ROULETTE RUSSA- Giuliano Clerico (Rubrica “Gradische le dische?”)

Intervista a Giuliano Clerico

SOAP OPERA- Giuliano Clerico (Rubrica “Gradische le dische?”)

VALZER DEGLI ZOMBIE- Giuliano Clerico (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL LAVAGGIO DEL CERVELLO- Decibel (Rubrica “Muschio sul cancello…”)

VIVO DA RE- Decibal (Rubrica “Muschio sul cancello…”)

GLI ANNI DEL SILENZIO- Decibal (Rubrica “Muschio sul cancello…”)

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.13

PUNTATA 13- 10 MARZO ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

E insomma, la settimana dello “sciopero” delle donne non potevamo lasciarla passare così, sicché abbiamo chiesto un editoriale a Margot, storica voce dei Cantacronache, che qua salutiamo da lontano augurandole di rimettersi presto.

La copertina di "Bestiario musicale", lo stupefacente disco della settimana ad opera di Lucio Corsi

 

Tra le varie novità succose e succulenti in qualche modo legate ai Sanremi presenti e passati (Maldestro e Renzo Rubino), non potevamo certo non addentrarci in quella favolosa macchia maremmana che è il “Bestiario musicale” di Lucio Corsi, un cantautore emergente con una sua poetica stralunata e una veste musicale naif e complessa allo stesso tempo. Una vera folgorazione.

E poi un curioso e riuscitissimo ripescaggio in chiave rock di un vecchio pezzo di Vecchioni, un lato B dignitosissimo dell’Equipe 84 e un buon vecchio Venditti a chiudere il tutto. Alè!

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/ihsp5mn05w5r0ia/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2C_p.13.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

LE NOSTRE DOMANDE- Margot (Rubrica “L’Editoriale”)

LA LA LA – Renzo Rubino

LA CIVETTA- Lucio Corsi (Rubrica “Gradische le dische?”)

L’UPOPA- Lucio Corsi (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL CINGHIALE- Lucio Corsi (Rubrica “Gradische le dische?”)

L’ULTIMO SPETTACOLO- Christadoro (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”)

CANZONE PER FEDERICA- Maldestro

DIO C’E’- Mia Martini

MEGLIO- Equipe 84

LE COSE DELLA VITA- Antonello Venditti

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.12

PUNTATA 12- 28 FEBBRAIO ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

ENZO CARELLA (1952-2017)

Non più tardi di un mese fa avevamo dedicato a quel genio irregolare e isolato di Enzo Carella un nostro corposo approfondimento. Non immaginavamo certo che poche settimane dopo avremmo dovuto dolorosamente ricordarlo ancora. Il 21 febbraio, a 67 anni è morto Enzo Carella, autore tra fine anni ’70 e inizio anni ’80 di dischi bizzarri e originali, davvero fuori da ogni solco consueto. La sua scomparsa è passata abbastanza in sordina sui grandi mezzi di comunicazione, e non ce ne stupiamo. Con Pasquale Panella, poi futuro autore di Lucio Battisti, formò una coppia di geni guastatori della musica italiana: se Pasquale cominciava a minarne la parte testuale con un uso funambolico della lingua, tesa a reinventare un nuovo mondo in cui i legami sintattici e di senso erano a poco a poco annullati, Enzo rivestiva questi testi inusitati (che ancora dieci anni dopo faranno scandalo) con una musica mignotta che impastava su tutto: funky, rithm ‘n’ blues, afrori latini, new wave, dance. Passato il breve attimo di notorietà di “Barbara”(seconda a Sanremo ’79) Carella continuò a sfornare opere insolite, via via con sempre minori riscontri, fino a lunghi periodi di silenzio. Enzo Carella, un grande.

In colpevolissimo ritardo, il nostro disco della settimana (ma anche del 2016)

Sempre in tema di talentacci, la puntata odierna ne abbonda, da Lucio Corsi, cantautore bucolico-surreale giunto al suo primo lavoro sulla lunga distanza (apre il tour dei Baustelle: ne sentiremo parlare) ad Amerigo Verardi, deus ex-machina del nostro migliore indie fin dai mitici Allison Run a fine anni ’80 (il suo nuovo“Hippie Dixit” è un viaggione lisergico che vi ammalierà). E che dire di Nada, signora assoluta della canzone italiana da quasi cinquant’anni, capace di sfornare ancora lavori mirabili e contemporanei come lo splendido“L’amore devi seguirlo”, nostro disco della settimana (sebbene uscito diversi mesi fa: mea culpa)?

E ancora, il ritorno dei gloriosi Mau Mau e degli ancora più gloriosi NCCP che festeggiano i 50 anni di attività con un doppio album pieno di ospiti e amici.

Buon ascolto.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/07d5hn553hfcwi1/ARRIVANO_GLI_SPRASSOLATI%21_STAG.10%2C_p.12.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

BALANZONE- Alberto Camerini (Rubrica “L’Editoriale”)

LA LEPRE- Lucio Corsi

VOCAZIONE- Enzo Carella

MIRAMARE- Mau Mau

APRITE LE CITTA’- Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

LA CANZONE DELL’AMORE- Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

IN GALERA LE PANETTIERE- Nuova Compagnia di Canto Popolare con Marco Sfogli, PFM, Tullio De Piscopo e Lino Vairetti

BRINDISI AI TERMINALI DELLA VIA APPIA- Amerigo Verardi

LA PRIMA COSA BELLA- Luca Barbarossa & Malika Ayane (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”)

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized