Archivi tag: Marco Ongaro

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI.p.15- SPECIALE LEONARD COHEN IN ITALIANO

 PUNTATA 15- 22 MARZO ‘17

SPECIALE “COVER THE RAINBOW”:

LEONARD COHEN IN ITALIANO

in studio Andrea Kappa Caponeri

Era da poco uscito il suo ennesimo album straordinario, un disco pieno di presagi, a dir la verità, quando il 7 novembre 2016 è giunta la notizia della morte di Leonard Cohen, l’unico degno di affiancare Bob Dylan (da pochi giorni proclamato con scalpore Premio Nobel per la Letteratura) tra i grandissimi della canzone intesa come Arte.

Photo of Leonard Cohen

Il conduttore di questa trasmissione, anch’egli, come tanti, addolorato dalla scomparsa del grande songwriter canadese (che aveva avuto la fortuna di vedere dal vivo un paio di anni prima a Lucca), ha cominciato a rimuginare il modo giusto per omaggiarlo, e ha pensato di ricercare le versioni italiane delle sue canzoni: nella mente c’erano già, ovviamente quelle di De Andrè, una rilettura di De Gregori, qualcosa di Marco Ongaro, ma la successiva indagine (dischi e Cd spulciati, cose in rete) ha davvero aperto un vaso di Pandora.

 

Il primo passo è stato preparare un lungo articolo per il beneamato blog “Verso la Stratosfera” (lo trovate qui), in un post (con relativo link per il download) che ha visto anche la partecipazione di altri collaboratori. Il secondo è stato ricordarlo su “Arnolfo”, il bel free-magazine di arte e cultura dell’orvietano, il terzo è appunto questa trasmissione in cui facciamo ascoltare molte delle riletture di Cohen che nel tempo sono state approntate dai suoi estimatori, nomi come lo stesso De Andrè, De Gregori, Locasciulli, Lalli, Marco Ongaro, Luigi Grechi, Giorgio Lo Cascio, Cisco, Le Luci della centrale elettrica, Mia Martini ed altri. Insomma, una bella rassegna che, tra alti e bassi, testimonia la devozione che in Italia ha circondato da inizio anni ’70 ad oggi l’autore di Suzanne, Halleluja, Joan of Arc, Famous Blue raincoat e altre decine di capolavori assoluti in cui poesia e musica diventano finalmente una cosa sola.

Daiano cover

la copertina del disco-tributo di Daiano 

SCARICA PARTE 1:

http://www.mediafire.com/file/61hhvy8b7fz838u/SPRASSOLATI_STAG.10%2C%2Cp.15_%28pt.1%29_-_Speciale_L.Cohen_in_italiano.mp3

SCARICA PARTE 2:

http://www.mediafire.com/file/qhhvdfi89bv5ct5/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2C_p.15_%28pt.2%29-_Speciale_L.Cohen_in_italiano.mp3

SCALETTA PARTE 1:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

A PRESTO, MARIANNE (So long, Marianne)-  Francesco De Gregori & Giorgio Lo Cascio live al Folkstudio, 24/1/1970

UN LETTO COME UN ALTRO (Tonight Will Be Fine) Francesco De Gregori & Giorgio Lo Cascio live al Folkstudio, 24/1/1970

LA BALLATA DI GIOVANNA D’ARCO – Kamsin (parte, 1971)

GIOVANNA D’ARCO (Joan of Arc)-Fabrizio De Andrè  (versione 45 giri, 1972)

IL PARTIGIANO (The partisan)- Daiano (1974)

NANCY (Seems so long ago, Nancy)- Fabrizio De Andrè (1975)

LA REGOLA D’ORO (One of us cannot be wrong) – Luigi Grechi (1979)

 

SCALETTA PARTE 2:

SUZANNE (id)- Mia Martini (live ’83)

NON PORTATELO A CASA SE E’ DURO (Don’t go home with your hand-on)- Marco Ongaro (1995)

FAMOUS BLUE RAINCOAT (id.)- LALLI (1998)

IL FUTURO (The Future)- Mimmo Locasciulli (1998)

SHREK ALLELUJAH (Halleluja)- Francesco Baccini (parte, Rubrica “Luci e ombre”, 2003)

DIAMONDS IN THE MINE (id)- Le Luci della Centrale Elettrica (2009)

SISTER OF MERCY- Cisco (2016)

ALLELUJA (Halleluja)- Marco Ongaro (2016)ARRIVANO GLI SPRASSOILA

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

STAG.10,p.10 CON UN’INTERVISTA A MARCO ONGARO

PUNTATA 10- 10 febbraio ‘17

IN STUDIO ANDREA KAPPA CAPONERI

con un’intervista a 

MARCO ONGARO

Una delle cose più belle di condurre una trasmissione del genere è che puoi passare una mezz’ora in piacevolissima compagnia (purtroppo solo telefonica) con uno degli artisti che da 30 anni stimi di più: è il caso del veronese Marco Ongaro, cantautore amato dalla critica specializzata, ma forse  un po’ in ombra presso il grande pubblico (“parlandone da vivo”, chioserebbe il Maestro Max Manfredi), anche a causa di una carriera poliedrica che l’ha fatto bazzicare diverse forme espressive, dalla canzone al teatro, dall’opera lirica alla poesia e tante altre ancora. Ma ogni suo disco, per noi afeçionados, è un piccolo evento, e quindi va degnamente celebrato.

cover

La copertina del singolarissimo disco della settimana

Se è vero che la puntata gira in buona parte attorno alle parole e alla musica di Ongaro, c’è stato però anche il tempo di ascoltare in apertura un brano a suo modo perfetto dei Tre Allegri Ragazzi Morti, di riscoprire quella figura singolare di cantautore-psichiatra che è Gianni Nebbiosi, di salutare il ritorno di Giorgio Laneve che rilegge la sua amata Barbara e infine, perla delle perle, una rarità assoluta che, crediamo, nessuna radio ha mai trasmesso ed è praticamente introvabile in rete: un inedito di Francesco Gregori tratto da una registrazione dal vivo al mitico Folkstudio nel 1970, un bootleg (ovviamente non autorizzato ufficialmente) che è un po’ il Santo Graal degli appassionati del Principe. Insomma, anche per questa volta vi abbiamo trattato con i guanti, ammettetelo.

De Gregori e Lo Cascio live al Folkstudio, 1970

 

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/9ui52tz05055eug/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2C_p.10_con_M.Ongaro.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

I MIEI OCCHI BRILLANO- Tre Allegri Ragazzi Morti

ER VERNICIARO- Gianni Nebbiosi (Rubrica “Era un uomo così, ma con delle possibilità”)

ELENA- Marco Ongaro (Rubrica “Gradische le dische?”)

Intervista a Marco Ongaro

IL RAP DELLA COSTITUZIONE- Marco Ongaro (Rubrica “Gradische le dische?”)

ESSI VIVONO- Marco Ongaro (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL MALE DI VIVERE- Giorgio Laneve (Rubrica “Cover the rainbow”, da Barbara)

BUONANOTTE NINA- Francesco De Gregori (inedito live al Folkstudio, 1970, Rubrica “Son fanatico, ma son simpatico!”)

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

STAG.10 p.6- 11 gennaio ’17 con un’intervista a Kama)

in studio Andrea Kappa Caponeri

CON UN’INTERVISTA A KAMA

Con grande piacere, per questa prima puntata dell’anno degli Sprassolati, abbiamo fatto una piacevole chiacchierata con Alessandro “Kama” Camattini, uno che fece già ben parlare di sé all’esordio (con un piccolo inno come “Ostello comunale”), e che ha pensato bene di far passare 10 anni per il suo secondo album, “Un Signore anch’io”, un disco di grande godibilità assolutamente consigliato. Ne abbiamo quindi parlato con l’autore e ne abbiamo ascoltato tre piccole perle.

kama

Prima e dopo, ancora un stupenda Nada, un Camisasca d’antan, degli Avion Travel poco conosciuti, il geniale Marco Ongaro con un pezzo metricamente micidiale, un Ivan Graziani malavitosissimo (sono da poco scoccati i venti anni da quando ci ha lasciati soli con Ligabue), i Rokes che volgono Battisti in inglese e una cosa nuova nuova dei pisani Gatti Mézzi autori di un recente album in cui abbracciano il rischio della maturità (qua la recensione kappesca sul sito della prelibata L’Isola che non c’era: http://www.lisolachenoncera.it/rivista/recensioni/perche-hanno-sempre-quella-faccia/) e ne escono alla grande.

hqdefault

Il 45 giri di Camisasca “la musica nuore”, targato Bla Bla.

Insomma, ancora una volta una puntata che scànsite.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/g163yj99bzq0akz/ARRIVANO_GLI_SORASSOLATI%21_p.06.mp3

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

L’ULTIMA FESTA- Nada

LA MUSICA MUORE- Juri Camisasca

IL SARTO- Avion Travel

SENTIRSI COME ROBERT DE NIRO- Kama (Rubrica “Gradische le dische?”)

Intervista telefonica a Kama

CITTA’ PARADISO- Kama (Rubrica “Gradische le dische?”)

STUPIDE CREATURE- Kama (Rubrica “Gradische le dische?”)

FEYDEAU- Marco Ongaro

FANGO- Ivan Graziani

WHEN THE WIND ARISES- Rokes (da L.Battisti, Rubrica “Cover the rainbow” )

IL MARE E’ UNA SCUSA- Gatti Mézzi (feat. Petra Magoni)

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG5, p.8

STAG. 5, puntata 8, 12 aprile 2012

in studio Andrea Caponeri e GianMarco Fusari

ASCOLTA e SCARICA (con il tasto destro):

http://stream.radiorvietoweb.it/sprassolati/mp3/STAG5p08.mp3

SCARICA:

http://www.mediafire.com/?qmt75stdj1n2raf

Dopo la pausa pasquale, ci ritrovammo con un carico di nuove uscite da smaltire, da Concato a Gemma, con una “Cover the rainbow”  che è un’autentica perla (un Beppe Chierici che trasporta Brassens), con artisti assai diversi che da tempo volevamo far ascoltare: da una cosa un po’ nascosta dei Baustelle, a una rilettura contiana davvero azzardata, da un Marco Ongaro che è un tesoro che va disseppellito al più presto, a un’arcana sigla sportiva che dà modo al Kappa di buttar là una tesi su un pezzo dei Pink Floyd che, se acclarata, rivoluzionerebbe la critica musicale. Insomma, ondivaghi, signora mia, che ci vuol fare? Sono Sprassolati e bisogna saperli prendere.

PIANGI, ROMA- Baustelle feat. Valeria Golino

NIENTE DI SERIO- Diaframma

UN TRENINO NEL PETTO- Fabio Concato (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL CIELO SPRA DI TE- Luca Gemma, feat. Patrizia Laquidara (Rubrica “Gradische le dische?”)

LA ROSA, LA BOTTIGLIA E LA STRETTA DI MANO- Beppe Chierici, da G. Brassens (Rubrica “Cover the rainbow”)

DRAGON- La Crus, da P.Conte (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”)

IL SOSTEGNO DELLE MASSAIE- Marco Ongaro

STADIUM- Oscar Prudente

CROMATICA- Marta sui Tubi feat. Lucio Dalla

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG.1, p.3

PUNTATA 3 – 25 aprile 2008

In studio Andrea Caponeri e GianMarco Fusari

Ospite Grato: Vieri Venturi

E fu la volta di Vieri, strano animale per 1/4 avvocato, 2/4 pianobarista richiestissimo, ma l’ultimo quarto e tutto per la canzone d’autore. Ci portò, e fu un bene per noi persi dietro le cose strane, finalmente qualche “classico”, da De Andrè a Battiato. E poi tante altre cose, autori poco conosciuti come Marco Ongaro, grandi incompresi come i Rosso Maltese, chicche come Tito Schipa Jr. Curiosità: il Kappa provò a cambiare sigla finale scegliendo Cochi e Renato. Il Giaccio alzò gli scudi difendendo a spada tratta la nobile causa di Gerardo Carmine Gargiulo. I tempi gli daranno ragione.

ASCOLTA (e SCARICA con il tasto destro):

http://stream.radiorvietoweb.it/sprassolati/mp3/STAG1p03%20O.G.VIERI%20VENTURI.mp3

SCARICA:

http://www.mediafire.com/?11u8tju53g9axtx (NEW LINK)

CORPORAL CLEGG (sigla)- Pink Floyd

LE COSE CHE VEDI- Alessandro Pitoni

SATELLITE- Diego Mancino (rubrica “Gradischi dei dischi?”)

LA PRIMA VOLTA- Diego Mancino (rubrica “Gradischi dei dischi?”)

PROSPETTIVA NEVSKY- Franco Battiato

IL SUONATORE JONES- Fabrizio De Andrè

HO VISTO UN RE- Enzo Jannacci e Dario Fo

NUDO- Rosso Maltese

STORICA AVVERSIONE- Marco Ongaro

PIANGE IL TELEFONO- Domenico Modugno (rubrica “Luci e Ombre”)

SONO PASSATI I GIORNI- Tito Schipa jr.

UN COLPO DI TOSSE DI MIO PADRE- Josè Leaci

LO SPUTTANAMENTO- Cochi e Renato

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione