Archivi tag: Giulio Casale

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.17

PUNTATA 17- 21 APRILE ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

I Cinesi si comprano anche il Milan (che ci faranno, poi?) e Bruno Lauzi ci regala il suo sarcastico editoriale. Disco della settimana il ritorno di una delle nostre migliori rockeuses, quell’Angela Baraldi che a inizio anni ’90 regalò piccole gemme come “Mi vuoi bene o no?” (A.D. 1993). Un disco sporco e sanguigno, ispiratissimo.

La cover del disco della settimana

Poi, che altro? Beh, un ripescaggio di Caterina Caselli, i Virginiana Miller che ridanno notizie di sé con una splendida cover di Lucio Dalla, una bella novità come Salvario e il ritorno del grande Giulio Casale, che possiamo ascoltare con l’ultima creazione, e soprattutto potremo vedere dal vivo al “Valvola” lunedì 24 aprile in un live imperdibile (con lui c’è anche Lorenzo “Buzzino” Corti) co-organizzato anche dalla nostra gloriosa e immarcescibile Radio Orvieto Web.

In chiusura una bella novità come Salvario, e una chicca: l’esibizione a sorpresa di Piero Brega (storica voce del Canzoniere del Lazio) a Orvieto nel concerto “Tra noi- i Tetes de Bois per Barbara e Matteo”, dello scorso settembre. Un’interpretazione da brividi.

Riflessi di Giulio Casale, il 24 aprile sul palco del "Valvola"

Enjoy!!

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/n54rcuan5zb24v2/ARRIVANO_GLI_SPRASSOLATI%21%2C_STAG.10%2C_p.17.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

ARRIVANO I CINESI- Bruno Lauzi (Rubrica “L’Editoriale”)

BISOGNEREBBE NON PENSARE CHE A TE- Caterina Caselli

TORNANO SEMPRE- Angela Baraldi (Rubrica “Gradische le dische?”)

TUTTI A CASA- Angela Baraldi (Rubrica “Gradische le dische?”)

ANNA E MARCO- Virginiana Miller (live, rubrica “Sulle spalle dei giganti” da L.Dalla)

LE NOSTRE PMI- Giulio Casale

DURI COME UN MURO- Salvario

TUSCOLANA- Piero Brega (live a Orvieto, Sala del Carmine, 18/9/’16)

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI, STAG.7, p.17

PODCAST PUNTATA 17- 9 maggio ‘14

in studio Andrea Caponeri

Chi conduce questa trasmissione ha da sempre avuto una passione smodata per gli Stormy Six, una delle esperienze (politiche, umane, musicali) più intense e coraggiose che questo paese abbia mai avuto. Dopo un iniziale apprendistato beat, e dopo aver marchiato a fuoco gli anni ’70 con album che sono pietre miliari almeno di 5-6 generi di musica diversi (dal folk politico alla canzone d’autore, dal progressive alla musica colta contemporanea, fino alla new wave), questi Kubrick della musica, a 32 anni di distanza dal loro ultimo disco di inediti, fanno uscire apparentemente dal nulla un lavoro nuovo di zecca, legato a uno spettacolo teatrale di Moni Ovadia, vecchio compagno di avventure ai tempi dell’etichetta indipendente “L’Orchestra”, da loro fondata.

Gli Stormy Six e Moni Ovadia sul palco per "Benvenuti nel ghetto"

Gli Stormy Six e Moni Ovadia sul palco per “Benvenuti nel ghetto”

Ma la sorpresa non è solo temporale: “Benvenuti nel ghetto” è un gran disco, che ci fa ritrovare i migliori Stormy Six, per forza dei testi, scrittura musicale, arrangiamenti e esecuzione. Nonostante un po’ in ritardo, non potevamo quindi certo non inserire questo lavoro (CD e DVD) nell’eletta schiera dei nostri dischi della settimana, debitamente (as)saggiato in tre pezzi.

Su un altro grande disco del passato si è poi imperniata questa succosa puntata, quel “Tango” dei Matia Bazar che nel 1983 coniugava ricerca estetico/musicale/sonora con la fruibità pop, marchio di fabbrica dell’ensemble genovese. Riascoltarlo con attenzione dopo 30 anni è una doverosa (e clamorosa) riscoperta.

I Matia Bazar in un'apparizione televisiva all'epoca di "Tango"

I Matia Bazar in un’apparizione televisiva all’epoca di “Tango”

Ma non finisce qua: c’è stato ancora posto per l’editoriale dei Gufi, per il pezzo che Paolo Conte ha regalato a Biagio Antonacci, per un Giulio Casale che da par suo rilegge Battiato e per la riesumazione di un sottovalutato carneade come Roberto Righini.

Enjoy!

 SCARICA:

www.mediafire.com/listen/vxd5xq83ewc3q99/SPRASSOLATI,_p.17.mp3

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

FA CALDO- I Gufi (Editoriale)

BENVENUTI NEL GHETTO- Stormy Six (Rubrica “Gradische le dische?”)

MORDECHAI ANIELEWICZ – Stormy Six (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL SOLE SOTTOTERRA – Stormy Six (Rubrica “Gradische le dische?”)

LE VETERANE- Biagio Antonacci

MUESS ES SEIN ES MUSS EIN- Anna Maria Castelli (Rubrica “Cover the rainbow”, da Leo Ferrè)

PALESTINA- Matia Bazar (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

VACANZE ROMANE- Matia Bazar (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

IL VIDEO SONO IO- Matia Bazar (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

MAGIC SHOP- Giulio Casale (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”, cover di F.Battiato)

L’INVENTORE- Roberto Righini (Rubrica “Era un uomo così, ma con delle possibilità”)

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG.7, p.12

PUNTATA 12- 6 febbraio ‘14

in studio Andrea Caponeri

Il ritorno di Dente con un gran bel disco, un Guccini al servizio di Victor Jara e di un giovane gruppo toscano, una leopardiana gemma luminosa di Domenico Modugno, un teaser dei concerti di Giulio Casale cui domani potrete assistere (ricordiamo: ore 18.00 sala consiliare di San Lorenzo Nuovo, ore 22.30 Magazzino delle Idee), e poi un raro duetto Sergio Endrigo-Max Manfredi, il ritorno in grande spolvero di Eugenio Finardi, il pop di classe di Gianni Bella… tutto insieme nella stessa puntata. Avete una gran bel culo, voi che potete scaricarvi “Arrivano gli Sprassolati!”

La copertina molto Seventies del nuovo album di Dente

La copertina molto Seventies del nuovo album di Dente

 SCARICA:

www.radiorvietoweb.it/arrivano-gli-sprassolati-p-12-con-andrea-kappa-caponeri-il-podcast/

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

IL CAMMINO- Piers Faccini

CHIUSO DALL’INTERNO- Dente (Rubrica “Gradische le dische?”)

Al-MANACH- Dente (Rubrica “Gradische le dische?”)

UN FIORE SULLA LUNA- Dente (Rubrica “Gradische le dische?”)

TI RICORDO AMANDA- Colectivo Panattoni e Francesco Guccini (Rubrica “Cover the rainbow”, da V.Jara)

NON CANTO- Estra

SIGNOR JONES- Giulio Casale

LEI S’ILLUMINA- Eugenio Finardi

TANGO ROSSO- Sergio Endrigo e Max Manfredi (Rubrica “Son fanatico, ma son simpatico!”)

LAZZARELLA- Domenico Modugno

IL PATTO- Gianni Bella

UNA GITA SUL PO- Gerardo Carmine Gargiulo (sigla finale)

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG.7, p.11 con Rancore

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!

PUNTATA 11- 23 gennaio ‘14

in studio Andrea Caponeri

con intervista a RANCORE

Puntata straordinaria, questa di “Arrivano gli Sprassolati”, caratterizzata dalla lunga intervista con Rancore, forse la massima espressione dell’hip hop italiano contemporaneo. Nel rapper romano, di cui già parlammo tre anni fa (https://arrivanoglisprassolati.wordpress.com/2011/02/16/arrivano-gli-sprassolati-stag4p12/),  tutto si pone su un livello eccelso: ispirazione e “densità” dei testi, il rappato, le basi (opera del geniale DJMyke), e infine la performance live, davvero impressionante, anche per chi non abbia dimestichezza con il genere. Ad aiutare il buon vecchio Kappa in questa chiacchierata, c’erano anche Alessandra e Francesca, due sue alunne di terza media, che hanno frequentato il suo laboratorio “Dentro le canzoni” ed hanno scelto di concentrare la propria attenzione su “Capolinea”, uno dei pezzi migliori di Rancore.

I Battisti-Mogol dell'hip hop italiano: Rancore e il "nostro" DJMyke.

(I Battisti-Mogol dell’hip hop italiano: Rancore e il “nostro” DJMyke)

Ma non di sole rime e scratch vive l’uomo: la puntata si muove anche su alcune gemme, dai celebri “Treni di Reggio Calabria” di Giovanna Marini (per qualcuno un proto-rap) al singolo degli Zen Circus, da un pezzo strappa-anima di Giulio Casale (il 7 febbraio tra noi in doppio concerto: pomeridiano a San Lorenzo Nuovo e serale a Orvieto), a una coraggiosa cover di Piero Ciampi fino ad arrivare a quel gioiello pop che resta, a distanza di più di trent’anni, “Lamette”.

SCARICA o ASCOLTA:

www.mediafire.com/listen/pc30836j0app030/STAG.7%2C%20p11%20con%20intervista%20a%20RANCORE.mp3

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

VIVA- Zen Circus

I TRENI PER REGGIO CALABRIA- Giovanna Marini

HA TUTTE LE CARTE IN REGOLA- Tommaso di Giulio (cover da Piero Ciampi, rubrica “Sulle spalle dei Giganti”)

VIENI- Giulio Casale (live)

CAPOLINEA- Rancore & DJMike

Intervista Rancore (1a parte)

INVISIBILE – Rancore & DJMike feat. Svedonio & Bartender

intervista Rancore (2a parte)

SILENZIO-  Rancore & DJMike

LAMETTE- Rettore

GIRA IL MONDO- Tre allegri ragazzi morti (Rubrica “Cover the rainbow”, cover dai Daft Punk)

UNA GITA SUL PO- Gerardo Carmine Gargiulo (sigla finale)

Giulio Casale, il grande leader dei mai troippo venerati ESTRA, sarà in zona venerdì 7 febbraio, prima a San Lorenzo Nuovo, poi ad Orvieto

(Giulio Casale, il grande leader dei mai troippo venerati ESTRA, sarà in zona venerdì 7 febbraio, prima a San Lorenzo Nuovo, poi ad Orvieto)

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! STAG.7, p.10 con DJ Enzo

PUNTATA 10- 16 gennaio ‘14

in studio Andrea Caponeri

Ospite Grato DJ Enzo

Tanto era famoso DJEnzo che i Beatles, per avere un po’ di pubblicità, lo pregarono di farsi fotografare con la copertina di un loro album.

Tanto era famoso DJEnzo che i Beatles, per avere un po’ di pubblicità, lo pregarono di farsi fotografare con la copertina di un loro album.

Cioè, a capirci, da queste parti siamo cresciuti odiando i DJ, gente che negli anni ’80 si credeva fichissima perché, semplicemente mettendo dischi, generalmente orrendi mix targati Baby Records, si sentiva un Dio. E lo erano davvero, i maledetti, tiravano i fili di “quei ragazzi che eravamo noi”, riempivano le piste, calamitavano gli sguardi delle ragazze, ti dicevano quando dovevi cantare, quando alzare le mani, quando andartene affanculo. E tu sul finale, alle 3.30, a pregare in ginocchio il Dio DJ, ché ti facesse la grazia di un quarto d’ora di rock, fosse anche la ciancicatissima Santa Triade di Smoke on the water- Pride- Another brick in the wall. Poi certo, crescendo il nostro giudizio è diventato più equilibrato, sostanzialmente perché eravamo già fuggiti da quell’inferno fatto di pavimenti luminosi e appiccicaticci, di birra carissima, cessi impraticabili e e un montino di due di picche in tasca da portare a casa.

Se ora siamo invece molto più saggi e bendisposti è per merito dei nostri meravigliosi DJ di Radio Orvieto Web, i mai abbastanza lodati Mauro Vecchi e Vincenzo Lovecchio (lo so, sembra uno scherzo come l’accoppiata Lo Vecchio-Vecchioni dei primi anni di carriera del diversamente sobrio cantautore milanese, ma tant’è). Ci hanno fatto scoprire tanta musica pazzesca, energica e meravigliosa, ci hanno fatto tornare la voglia di ballare e sudare, il che, a cavallo dei 40, sarà anche patetico, ne conveniamo, ma è uno sballo.

Ci è sembrato naturale invitare DJ Enzo, da anni mente dietro la premiata trasmissione “Orchestra Moderna” (tra pochi giorni ancora on line nel nostro sito), che dal profondo sud circa dieci anni fa venne tra noi, e tanto bene si trovò che mai più ne ripartì. Per nostra fortuna. Ne è uscita fuori una puntata più sorprendente del solito, un patchwork che mette insieme i Marta sui Tubi e Nicola di Bari, Cochi e Renato e I Cani, gli Estra di Giulio Casale (il 7 febbraio in doppio concerto a San Lorenzo Nuovo e a Orvieto) e Ugolino, cose nuove e cose vecchie, tutte imperdibili.

Nicola di Bari, artista omaggiato in questa puntata,  in una esibizione degli inizi, quando ancora per mettere insieme il pranzo con la cena vendeva i “portalibrette pe’ la mutua” a Piazza.

Nicola di Bari, artista omaggiato in questa puntata, in una esibizione degli inizi, quando ancora per mettere insieme il pranzo con la cena vendeva i “portalibrette pe’ la mutua” a Piazza.

SCARICA:

www.mediafire.com/listen/tf25pmu9xzpc9e2/STAG.7%2C%20p10%2C%20con%20DJEnzo.mp3

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

COSMOS- Fitness forever

MA CHE BELLA GIORNATA!- Ugolino

SENZA VOLERSI BENE- Paletti

MIELE- Estra

TEEN CRASH- Nobody cries for dinosaurs

LA PRIMA COSA BELLA- Nicola di Bari (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

VAGABONDO- Nicola di Bari (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

AD ESEMPIO A ME PIACE IL SUD- Nicola di Bari, cover da R. Gaetano (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

CORSO TRIESTE- I Cani

E’ CAPITATO ANCHE A ME- Cochi e Renato

TOMORROWS NEVER KNOWS- Marta sui Tubi (cover dai Beatles)

UNA GITA SUL PO- Gerardo Carmine Gargiulo (sigla finale)

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione