Archivi tag: Enzo Carella

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI! p.12

PUNTATA 12- 28 FEBBRAIO ‘17

in studio Andrea Kappa Caponeri

ENZO CARELLA (1952-2017)

Non più tardi di un mese fa avevamo dedicato a quel genio irregolare e isolato di Enzo Carella un nostro corposo approfondimento. Non immaginavamo certo che poche settimane dopo avremmo dovuto dolorosamente ricordarlo ancora. Il 21 febbraio, a 67 anni è morto Enzo Carella, autore tra fine anni ’70 e inizio anni ’80 di dischi bizzarri e originali, davvero fuori da ogni solco consueto. La sua scomparsa è passata abbastanza in sordina sui grandi mezzi di comunicazione, e non ce ne stupiamo. Con Pasquale Panella, poi futuro autore di Lucio Battisti, formò una coppia di geni guastatori della musica italiana: se Pasquale cominciava a minarne la parte testuale con un uso funambolico della lingua, tesa a reinventare un nuovo mondo in cui i legami sintattici e di senso erano a poco a poco annullati, Enzo rivestiva questi testi inusitati (che ancora dieci anni dopo faranno scandalo) con una musica mignotta che impastava su tutto: funky, rithm ‘n’ blues, afrori latini, new wave, dance. Passato il breve attimo di notorietà di “Barbara”(seconda a Sanremo ’79) Carella continuò a sfornare opere insolite, via via con sempre minori riscontri, fino a lunghi periodi di silenzio. Enzo Carella, un grande.

In colpevolissimo ritardo, il nostro disco della settimana (ma anche del 2016)

Sempre in tema di talentacci, la puntata odierna ne abbonda, da Lucio Corsi, cantautore bucolico-surreale giunto al suo primo lavoro sulla lunga distanza (apre il tour dei Baustelle: ne sentiremo parlare) ad Amerigo Verardi, deus ex-machina del nostro migliore indie fin dai mitici Allison Run a fine anni ’80 (il suo nuovo“Hippie Dixit” è un viaggione lisergico che vi ammalierà). E che dire di Nada, signora assoluta della canzone italiana da quasi cinquant’anni, capace di sfornare ancora lavori mirabili e contemporanei come lo splendido“L’amore devi seguirlo”, nostro disco della settimana (sebbene uscito diversi mesi fa: mea culpa)?

E ancora, il ritorno dei gloriosi Mau Mau e degli ancora più gloriosi NCCP che festeggiano i 50 anni di attività con un doppio album pieno di ospiti e amici.

Buon ascolto.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/file/07d5hn553hfcwi1/ARRIVANO_GLI_SPRASSOLATI%21_STAG.10%2C_p.12.mp3

SCALETTA:

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

BALANZONE- Alberto Camerini (Rubrica “L’Editoriale”)

LA LEPRE- Lucio Corsi

VOCAZIONE- Enzo Carella

MIRAMARE- Mau Mau

APRITE LE CITTA’- Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

LA CANZONE DELL’AMORE- Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

IN GALERA LE PANETTIERE- Nuova Compagnia di Canto Popolare con Marco Sfogli, PFM, Tullio De Piscopo e Lino Vairetti

BRINDISI AI TERMINALI DELLA VIA APPIA- Amerigo Verardi

LA PRIMA COSA BELLA- Luca Barbarossa & Malika Ayane (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”)

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

STAG.10. p.8

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!

27 GENNAIO ’17

in studio Andrea Caponeri

10762

A stretto giro di posta, arriva l’ottava puntata, e cadendo in un giorno speciale (la Giornata della Memoria), non poteva che aprirsi con una canzone che in qualche modo ricordasse l’inferno dei campi nazisti. Il meraviglioso e toccante “Canto dei deportati”, ripreso nel ’95 dai Rosso Maltese sta lì per questo. E poi abbiamo presentato quello che si delinea già come un possibile disco dell’anno (forse anche Targa Tenco per il miglior album, azzardiamo con notevole anticipo), vale a dire il nuovo lavoro di Brunori SAS. “A casa tutto bene” ha tutto per restare: spessore, pensiero, progetto, resa artistica, classicità e modernità allo stesso tempo.

unknown-1

La copertina dello splendido disco della settimana

Poi, cosa altro? Ah, la primissima versione di “Luci a San Siro” che, con titolo cambiato, altro testo (sempre di Vecchioni) e altro interprete, uscì qualche mese prima, e poi il ritorno del nostro approfondimento, questa volta dedicato a “Barbara e altri Carella”, un album splendido e sottovalutato di un artista sottovalutato e splendido.

 

http://www.mediafire.com/file/jw4bid9ls7olorr/SPRASSOLATI%2C_STAG.10%2Cp.08.mp3

SCALETTA

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

IL CANTO DEI DEPORTATI- Rosso Maltese (Rubrica L’Editoriale/Cover the rainbow)

FRASI DA DIMENTICARE- Daniele Silvestri

CANZONI CONTRO LA PAURA- Brunori SAS (Rubrica “Gradische le dische?”)

DON ABBONDIO- Brunori SAS (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL VESTITO DEL TORERO- Brunori SAS (Rubrica “Gradische le dische?”)

HO PERSO IL CONTO- Rossano

AMARA- Enzo Carella (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

MALAMORE- Enzo Carella (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

PARIGI- Enzo Carella (Rubrica “Muschio sul cancello del giardino abbandonato”)

unknown-2

Il nostro approfondimento: “Barbara e altri Carella”, del 1979

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG.7, p.18 con GERARDO CARMINE GARGIULO

PUNTATA 18- 16 maggio ‘14

in studio Andrea Caponeri

con intervista a Gerardo Carmine Gargiulo

Gerardo Carmine Gargiulo al bordo dell'Avellino Express

Gerardo Carmine Gargiulo al bordo dell’Avellino Express

C’eravamo promessi da un pezzo di riportare ai nostri microfoni il nostro mentore Gerardo Carmine Gargiulo, colui il quale, con il suo inno “Una gita sul Po”  ha caratterizzato ogni esibizione live degli Sprassolati in questi ultimi dieci anni. E alla fine, in zona Cesarini della Settima Stagione, eccolo in collegamento telefonico (un po’ gracchiante, a dire il vero…) dal suo studio di avvocato in quel di Milano, a regalarci ricordi, ad aprire parentesi mai chiuse… Un mito!

E poi spazio al bellissimo nuovo album di Nada (ne facessero di cose così le nostri giovani rockers…) ed altre belle cose assortite.

SCARICA:

http://www.mediafire.com/listen/3v173kap18tzbj3/STAG.7,_p18_con_G.C.Gargiulo.mp3

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

QUESTA VITA CAMBIERA’Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

IL TUO DIO- Nada (Rubrica “Gradische le dische?”)

ORATORIUM- Elio & Le Storie Tese

IRPINIA- Gerardo Carmine Gargiulo

Intervista telefonica a Gerardo Carmine Gargiulo

QUANDO C’ERA (TORNA) BERLUSCONI IN ITALY- Gerardo Carmine Gargiulo

SANT’ANDREA- Gerardo Carmine Gargiulo

BARBARA- Bengi (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”, cover di  Enzo Carella)

UNA GITA SUL PO (nuova versione 2012)- Gerardo Carmine Gargiulo

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG.7, p.9- Speciale “Strade di Francia”

PUNTATA 9- 9 gennaio ‘14

Speciale “Strade di Francia”

in studio Andrea Caponeri e GianMarco Fusari

Giaccio e Claudio a S.perduta 2012

Ogni figliol prodigo ritorna sempre a casa, se non altro per portare a lavare i panni sporchi. Giaccio, lo Sprassolato che si è trasferito in Francia con il suo amore Cristiana, era tornato per le vacanze natalizie, e riuscimmo così per una volta a ricomporre, dopo mesi, la mitica coppia che ha fatto la storia di questa trasmissione e l’educazione tecnica di molte altre. Ovviamente, non si poteva che parlar di Francia, della Francia prima vagheggiata, poi scopata, poi abortita, poi guardata con dolcezza. Ne è venuta fuori una puntata speciale anomala, del tutto avulsa dall’attualità, fuori dal tempo, e ovviamente dal (nostro) spazio.

Unknown

SCARICA:

www.mediafire.com/listen/cft97nm344ofaca/STAG.7%2C%20p09%20con%20il%20Giaccio.mp3

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

STRADE DI FRANCIA- Daniele Silvestri

PARIGI O CARA- Roberto Vecchioni

CAFFE’ DE LA PAIX- Franco Battiato

JE CHANGERAIS D’AVIS- Françoise Hardy (cover di “Se telefonando” di Mina)

AH, LE MONDE!- P.G.R. remixati da Franco Battiato

PARIS LES PARIS- Paolo Conte

STELLA D’AMORE- Umberto Tozzi (Rubrica “Cover the rainbow”, da F.Cabrel)

MARCIA NUZIALE – Fabrizio De Andrè

L’INGORGO- Lucio Dalla

JEAN PAUL SARTRE E SIMON DE BEAUVOIR- David Riondino

PARIGI – Enzo Carella

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARRIVANO GLI SPRASSOLATI!, STAG.6, p.6 con Alessio Lega

PUNTATA 6- 13 marzo ‘13

in studio Andrea Caponeri e GianMarco Fusari

con un’intervista ad Alessio Lega

Alessio Lega è rara avis (facciamolo vedere che s’è studiato latino) nella musica italiana d’oggidì: cantautore con un forte legame nella canzone cosiddetta politica, sociale, di tradizione (la sue radici anarchiche non mentono), ma anche capace di saper concepire una canzone, o un album, come un qualcosa a sé, che merita tempo, dedizione, scelte musicali e arrangiamenti non scontati. Ecco perché da quel “Resistenza e Amore” che nel 2004 gli valse il Premio Tenco come migliore opera prima, è passato quasi un decennio. Ed ecco perché lo abbiamo voluto con noi, in collegamento telefonico a raccontarci il suo nuovo “Mala testa”, un album importante, da ascoltare riservandogli tempo buono, cuore e testa (mala o meno) collegati.

Detto per inciso, nel maggio 2011 fu ospite dal vivo, tra parole e musica, della nostra Radio che gli dedicò una delle sue ROW LIVE SESSION. La potete scaricare QUI:  http://www.mediafire.com/?15lydi8ug118ee1

Per il resto, puntata eclettica (un aggettivo che è un po’ la good company di “dispersiva”) tra il morbido blues-capolavoro di un Roberto Ciotti d’annata, una Nannini acida, uno Scialpi da denuncia, un ripescaggio di un oscurissimo (ma soprendente) Ezio Nannipieri, un Colapesce (il Kappa azzarda: il più bravo tra le ultimissime leve) che rilegge curiosamente un cantautore di culto come Enzo Carella, e un nuovo brano dei Virginiana Miller che fa ben sperare per il disco a venire.

Il tutto in una sola trasmissione. Scusate se è poco.

SCARICA

http://www.mediafire.com/?y83wlhvyoxpoume

CORPORAL CLEGGS- Pink Floyd (sigla iniziale)

NO MORE BLUE- Roberto Ciotti

MALAMORE- Colapesce, cover di Enzo Carella (Rubrica “Sulle spalle dei giganti”)

FRENESIA- Gianna Nannini

CANZONI DA AMARE- Alessio Lega e Paolo Pietrangeli (Rubrica “Gradische le dische?”)

Intervista ad ALESSIO LEGA

MONTE CALVARIO- Alessio Lega (Rubrica “Gradische le dische?”)

BACI- Alessio Lega  (Rubrica “Gradische le dische?”)

JE T’AIME MOI NON PLUS- Scialpi, cover da S.Gainsbourg e J.Birkin (Rubrica “Cover the rainbow” ma anche, e soprattutto, “Luci & Ombre”)

METTI ALZARTI CHE È UN MATTINO- Ezio Nannipieri (Rubrica “Era un uomo così… ma con delle possibilità”)

TUTTI I SANTI GIORNI- Virginiana Miller

Lascia un commento

Archiviato in Trasmissione